Seleziona una pagina

La tradizione del Carnevale di New Orleans risale alla metà del XIX secolo, anche se vi sono testimonianze dell’importazione di questa ricorrenza in Louisiana da parte dei francesi fin dal ‘700. La musica ha sempre avuto un ruolo centrale a New Orleans (dove molti collocano la nascita del Jazz) ed in particolare nel periodo del Carnevale.

I Blue Stuff, formazione storica di Blues partenopeo da sempre guidati dal batterista e vocalist Mario Insenga, ci offriranno una serata in pieno stile “Mardi Gras” con un repertorio speciale per questa che si profila come una serata specialissima !! Si tratta di un viaggio musicale alla scoperta di New Orleans, della sua musica e dei musicisti che ne fecero la storia. Una musica a cavallo tra jazz e blues, dalla vocazione corale e dalla intensità primordiale, che racconta storie di uomini e donne, di musica, amore, denaro che manca, giochi d’azzardo, dipingendo un piccolo minuzioso ritratto della New Orleans di inizio Novecento. La maggior parte di questi capolavori è stata dimenticata, anche se quei brani sono tuttora attuali, e ricchi di idee musicali contemporanee e di sfumature blues che divennero repertorio musicale di intere generazioni di musicisti.

Mario Insenga (Voce, batteria, percussioni) – Sandro Vernacchia (Chitarre, mandolino e cori) – Laerte Scotti (Fisarmonica) – Emilio Quaglieri (Dobro, cori) – Francesco Miele (contrabbasso)


I BLUE STUFF nascono a Napoli nel 1982, grazie all’iniziativa di Mario “Blue Train” Insenga, da sempre uno dei più attivi musicisti blues italiani. Sin dall’inizio la band si caratterizza come una sanguigna blues band, fedelmente dedita al Chicago Style.

La semplicità ed immediatezza delle strutture ritmiche, la pulizia degli schemi armonici e melodici, il calore della voce e, soprattutto, la passione per il blues e più in generale per la musica, fanno del suono BLUE STUFF un esempio di vitalità musicale, che dimostra come un linguaggio musicale antico possa rimanere di grande attualità e di grande coinvolgimento emotivo.

Infatti il tratto saliente del progetto sta nel fatto che esso “brilla di luce propria”, ciò a dire che i BLUE STUFF suonano del Chicago Blues, ma l’originalità delle loro composizioni li pone come una blues band viva e pulsante. D’altronde, testimonianza della vitalità di questo gruppo e’ la sempre calda accoglienza ricevuta da parte del pubblico che non resta mai impassibile di fronte alla irresistibile miscela di musica, simpatia e spettacolarità.

Sul finire del 1991 nasce le collaborazione con Joe Sarnataro, ovvero l’alter ego blues di Edoardo Bennato. Nasce così il disco “E’ Asciuto Pazzo ‘O Padrone”, colonna sonora di un musical e con un lungo tour europeo. Nel 1994 a esce “L’Acqua e’ Poca” per la Sony, nel 1999 “Roba Blues” per la Cheyenne Records che pubblica anche l’ultimo lavoro “Altra Gente, Altro Blues” un nuovo CD che vede – tra gli altri – la partecipazione del polistrumentista partenopeo DANIELE SEPE. Il disco, che contiene 11 tracce originali,è una ulteriore testimonianza della capacità di questa band di saper comporre e suonare brani propri, affiancando al blues il dialetto napoletano, senza perdere il carattere dominante di questa musica.

OFFICIAL WEBSITE BLUE STUFF



Pin It on Pinterest