Link alla home page del Big Mama
Pagina di presentazione del Big Mama
Pagina dei prossimi concerti
Pagina delle news del Big Mama
Pagina dei links suggeriti dal Big Mama
Pagina contenente link a file audio e video
Pagina contenente link a file audio e video

 

logo

 

seguici anche su

follow us on

 

facebook

 
 
I PROSSIMI APPUNTAMENTI
 

 

PER NON PERDERE NESSUNA NOTIZIA SUL BIG MAMA, PER RICEVERE BIOGRAFIE,

LINKS E ANTEPRIME, PER SCARICARE FILES MUSICALI,

ISCRIVITI GRATIS A BIG MAMA NEWS LA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE

 

MERCOLEDI

3

DICEMBRE

BLUES TRAIL

presentazione del CD "Blues Trail Moan"

Ingresso

libero

Prenota

blues trailPresentazione del primo album dei BLUES TRAIL "Blues Trail Moan", a sei anni dalla fondazione del duo acustico composto da Luca Vaglica (Voce e Armonica) e Davide Citrolo (Chitarra fingerpicking e Dobro) dopo oltre 240 esibizioni live a Roma e in molte regioni d'Italia.


Presenta Alberto Castelli. Parteciperanno anche Mirko Teodori e Daniele Murabito (Le Marabut) come special guests.

I Blues Trail propongono un repertorio di brani che vanno dagli anni '20 agli anni '40 in perfetto stile Delta Blues, alla riscoperta dei grandi maestri afroamericani. oltre ad eseguire le musiche di Robert Johnson, Charlie Patton, Reverend Gary Davis, Blind Blake, Big Bill Broonzy, Muddy Waters, vengono raccontati aneddoti sulle vite di questi leggendari personaggi e sui testi delle canzoni che vengono suonate durante lo spettacolo.

Luca Vaglica (Voce & Armonica) - Davide Citrolo (Chitarra & Dobro)

L'EVENTO su Facebook

 

GIOVEDI

4

DICEMBRE

MA' STEVEN BAND

Ingresso

libero

Prenota

MA STEVEN BANDLa Ma Steven Band è stato uno dei gruppi piu' seguiti nella scena musicale romana degli anni '80 e '90. 15 anni di attivita' e due dischi all'attivo: Rude (RB Record) e Delgado (Warner Music), con brani originali. Il loro sound e' stato da sempre caratterizzato dal grande amore per il primo rock'n'roll e per il blues ma anche per il mainstream rock di Springsteen, Seeger, Fogerty.
Max Di Stefano (voce - chitarra), Carlo Maccheroni (chitarra), Stefano Longo (basso) e Alex "Boom Boom " Strano (batteria) tornano di nuovo insieme al Big Mama in una serata speciale , per riproporre il meglio del loro repertorio mettendo insieme John Lee Hoocker ed i Drifters , Ray Charles e Bruce Springsteen , Sam Cooke ed i Searchers, frullati insieme nel loro stile energico e pieno di allegria. Una esibizione da non perdere !!

L'EVENTO su Facebook

 

VENERDI

5

DICEMBRE

LELLO PANICO

BLUES BAND

special guest: TOLLAK

Ingresso

libero

Prenota

lello panicoLa nuova formazione del chitarrista Lello Panico (che dopo 20 anni di concerti ed incisioni varie, ha appena pubblicato il suo primo Cd interamente strumentale "Fifty Years Ago") si misura da subito con un repertorio trascinante, arricchito dalla presenza di Tollak Ollestad, cantante, pianista e armonicista californiano, con il quale ha pubblicato un CD intitolato "Blue Noise".Composizioni originali, accanto a Rock, Blues, Funk e Jazz, sono gli ingredienti principali dei brani strumentali. La chitarra è ovviamente il baricentro della musica di questo gruppo, che si fonde con atmosfere futuristiche e i loop delle tastiere di Alessandro Gwis, il tutto supportato dalle ritmiche minimaliste (e votate al groove) del bassista Francesco Luzzio e del batterista Cristiano Micalizzi.

tollakLELLO PANICO – chitarrista e cantante - ha classe e caratura internazionale; ha collaborato in studio e dal vivo con artisti quali ROBBEN FORD, GARY NOVAK, REGGIE HAMILTON, JOHN PATITUCCI, JOEY CALDERAZZO, DEITRA FARR, CHICAGO BEAU, PTAH BROWN, JIMMY HASLIP, RUSSEL FERRANTE, SHAWN LOGAN, TOLLAK OLLESTAD, MINA.

TOLLAK è un musicista di grande talento che negli ultimi tempi ha lasciato il segno con la sua armonica in tutti i progetti e albums in cui ha lavorato. Michael McDonald, Earth, Wind & Fire, Natalie Cole, Al Jarreau, Andrea Bocelli, Seal, Gino Vanelli, Cristopher Cross, sono alcuni dei nomi con i quali ha collaborato. Straordinario cantante, ottimo pianista, Tollak è uno dei più grandi armonicisti in circolazione.

  

SABATO

6

DICEMBRE

ALAN SOUL

& THE ALANSELZER

Ingresso

libero

Prenota

alan soulUna carriera lunga 30 anni, quella di Alan Soul (al secolo Giulio Todrani): in duetto con "Julie & Julie" agli esordi, poi come front-man di band come gli "Io Vorrei La Pelle Nera", con al fianco la figlia Giorgia - divenuta poi una delle voci più apprezzate del panorama musicale italiano - fino ad arrivare agli ALANSELZER con cui da anni esalta il proprio amore per il soul, lo swing, il funky. Nel nuovo disco "Live @ Big Mama Vol.2" ci sono i più bei successi dei grandi interpreti della musica nera; Otis Redding, Ray Charles, Smokey Robynson, James Brown, Tom Jones, grazie alla voce di Alan Soul, uno dei pochi in circolazione veramente in grado di interpretare degnamente questo repertorio, autentiche perle nel repertorio della black music.
Ecco le note di copertina del CD Vol.1 a cura di Ernesto Assante:"La musica soul non muore mai, non può morire. Non morirà finché ci sono dei cantanti come Alan Soul e dei gruppi come gli Alanselzer. Basta ascoltare le voce di Alan, seguire il ritmo della band, perdersi nelle note del pianoforte, nel pulsare del basso, negli assoli dei fiati, per essere trasportati, ancora una volta, nel cuore della musica, nell'anima del soul. No, non sono cover, non esistono cover nel soul, e non è una cover band quella che decide che non si può vivere senza suonare Georgia on my mind o Ain't that groove. No, il soul è una missione, una fede, una regola di vita (come le regole monastiche), che non possono essere tradite. E Alan Soul e gli Alanselzer non hanno mai tradito, nemmeno quando i tempi sono cambiati, i suoni sono cambiati, le mode sono cambiate.

alan soulRestano fedeli, fedelissimi, alla loro ragione di vita, ad una musica che è straordinaria e festosa, drammatica e appassionata, divertente e romantica, e la interpretano come la regola vuole, senza mai mentire, provando ad esprimere sentimenti e passioni senza alcuna mediazione. Abbandonate le consuetudini, dimenticate le cover, quello che state per ascoltare è musica, arte, vita, gioia, mescolate insieme da un gruppo di musicisti e un cantante che conoscono l'arte dell'intrattenimento e l'arte della musica, che predicano l'unica religione possibile, quella del soul, che praticano senza sosta da tempo immemorabile con uno stile davvero inconfondibile. Lunga vita ad Alan Soul e ai suoi Alanselzer, che ci dimostrano che si può vivere ancora credendo in qualcosa di importante. E si può, come recita il titolo di una canzone di Paul Simon, "still crazy after all these years".
Formazione: Giulio "Alan Soul" Todrani (voce), Ferruccio Corsi (sax alto, Mirko Rinaldi e Settimio Savioli (tromba), Alfredo Posillipo (trombone, Muzio Marcellini (piano, tastiere, Claudio Trippa (chitarra), Maurizio Meo (basso elettrico), Stefano Parenti (batteria)

DOMENICA

7

DICEMBRE

POWER TRIO

Ingresso

libero

Prenota

feliciatiIl rock, il jazz, il funk e la musica elettronica sono i principali ingredienti di questo power trio romano formato da tre tra i più conosciuti musicisti italiani apprezzati anche all'estero.
Pur avendo collaborato insieme svariate volte negli scorsi anni, Lorenzo, Rocco e Cristiano si ritrovano finalmente in questo nuovo progetto per mettere insieme le loro profonde esperienze di musicisti di altissimo livello nazionale ed internazionale:

Rocco è da quasi vent'anni il chitarrista stabile del grande Ennio Morricone, da quattro quello della mega-band newyorkese Defunkt, nonchè leader di importanti progetti jazz-rock, con i quali è stato ed è tuttora sempre in giro per il mondo. La sua grande passione per il Jazz, il Blues, la musica etnica e la tecnologia lo portano ad esplorare con la chitarra nuovi territori sonori in cui questi elementi interagiscono sempre tra loro.

Lorenzo è uno dei principali bassisti elettrici italiani, prima scelta di tantissimi artisti pop sia in studio che in tour, è uno dei bassisti italiani più conosciuti all'estero, dove è attualmente impegnato in veste di leader e co-leader in due progetti con i Naked Truth, insieme a Pat Mastellotto, batterista dei King Krimson, e con i Twinscapes, con Colin Edwin, bassista dei Porcupine tree.

Cristiano è uno dei più richiesti batteristi i taliani, sempre presente ormai da tanti anni nelle orchestre televisive; introdotto giovanissimo aglii studi musicali dal padre, il noto compositore Franco Micalizzi, e diplomatosi presso la prestigiosa scuola americana Berklee, è dotato di una grandissima preparazione, professionalità e varietà stilistica che gli hanno permesso di collaborare in tutti i settori musicali professionali sia in Italia che all'estero, in studio ed in tour.

LORENZO FELICIATI (basso) - ROCCO ZIFARELLI (chitarra) - CRISTIANO MICALIZZI (batteria)

  

LUNEDI

8

DICEMBRE

THE BEATLES

REVOLUTION

Ingresso

libero

Prenota

tbrL'8 dicembre in tutto il mondo si ricorda John Lennon e la grande musica del fondatore dei Beatles. I TBR al Big Mama tornano con tutti i grandi pezzi dei Beatles e con un angolo dedicato a questo straordinario musicista.

Tanto rock'n'roll dalle 22,30. Ma già alle 21 sarà possibile anche visitare la mostra fotografica di Stefania Rogai: una serie di scatti che hanno come protagonista la musica, gli strumenti. Immagini che vi sorprenderanno per l'interpretazione dell'artista.


Nel progetto The Beatles Revolution si sono uniti cinque musicisti che negli anni, pur lavorando in varie situazioni musicali, hanno avuto esperienze in <cover band> o tribute band dei Fab Four, a cominciare dall'<Antolennon> degli Apple Pies. I repertorio va dal rock'n'roll di Amburgo alle più recenti produzioni post Beatles. Tutto è suonato <live>, rispettando lo spirito originale dei brani.
La band.


Alessandro Errichetti: voce, chitarra. In ambito Beatles ha fatto parte della Blue Jay Band, Lennon Legend e dei Bulldogs - Antonello Ripepi: voce, basso. Ex Apple Pies, Lennon Legend - Enrico Scopa: voce tastiere. Macca Band - Fabio Maccheroni: voce, chitarra. Ex Bulldogs, autore di tre pubblicazioni sui Beatles, fra cui una su John Lennon (The Shot - Il ragazzo che suonò con John Lennon, disponibile al Big mama) - Fabio Pollastri: voce, batteria. Ex Blue Jay Band

L'EVENTO su Facebook

 

 

MARTEDI 9 E MERCOLEDI 10 DICEMBRE

IL BIG MAMA E' CHIUSO

 
 

GIOVEDI

11

DICEMBRE

BREEZY RODIO

& BLUES BAND

Ingresso

libero

Prenota

brrezy rodioUno dei migliori talenti della nuova scena Blues di Chicago, per un tour di sole 7 apparizioni in Italia, giovedì 11 dicembre farà tappa al Big Mama. Chitarrista e cantante, Breezy Rodio è da una decina di anni attivo nella capitale dell'Illinois, dove suona con i più grandi artisti della scena mondiale, come la sua recente esibizione live con Buddy Guy (guarda il video) oppure insieme a BB KING sicuramente l'ultima " Star " del bleus vivente. Come solista Breezy ha inciso un disco che ha riscosso molto successo, dove suonano grandi artisti come Lurrie Bell e Bob Stroger, bassista di Muddy Waters, Guy King e altri. Breezy ha inoltre all'attivo un cd solista di Reggea, dove suona con personaggi del calibro di Smoking Joe Thomas dalla band di Peter Tosh, e Donald Kinsey della band di Bob Marley, con cui si esibisce regolarmente sempre a Chicago.

Breezy Rodio sbarca a Chicago nel 2007, nella capitale mondiale del blues. Dopo pochi mesi incontra Linsey Alexander, leggenda vivente della "Windy City" ed entra a far parte della Linsey Alexander Blues Band. Inizia così a suonare su tutti i palchi di Chicago e del Midwest degli Stati Uniti. Una gavetta che lo porta ad aprire tutti i concerti dell'anziano bluesman fino a diventare il suo "Band Leader". Nell'estate del 2010 è in studio con la Linsey Alexander Blues Band per registrare l'album " If Aint Got It ".
Nel 2010 Breezy registra il suo primo cd a Chicago collaborando con i più prestigiosi musicisti che la città offre. "Playing My Game Too" è il titolo del disco che vede ospiti speciali come LURRIE BELL, GUY KING, ROCKING JOHNNY, DAVE HERRERO, LINSEY ALEXANDER e la leggenda vivente del blues mr BOB STROGER (bassista di Otis Rush, Jimmy Rogers, etc.). Le sue altre collaborazioni musicali sono con Dave Herrero, Big Time Sarah, Patricia Schott, Nellie Travis, Eddie Shaw, Ronnie Baker Brooks, Rob Blaine, John Primer, Peaches Staten, Carl Wheathersby, J.W. Williams, Eddie C. Campbell, Jimmy Burns, Billy Branch, Charlie Lowe e molti altri.
Oltre ad essere un habitué di tutti i blues club della città ventosa (Buddy Guy's Legend, Kingstone Mines, Bluechicago, House of Blues) Breezy è uno dei pochi europei che può vantare tre partecipazioni al Chicago Blues Festival, sicuramente il Blues Festival più importante del mondo.

BREEZY RODIO su Facebook

 

VENERDI

12

DICEMBRE

SARA BERNI

BLUES BAND

Ingresso

libero

Prenota

saraEsordio al Big Mama per la nuovissima Blues band della vocalist Sara Berni, che molti ricordano come front line della soul orchestra Bianca Blues e i Sette Soul. Accompagnata stavolta da Muzio Marcellini alle tastiere, Luca Trolli alla batteria, Andrea De Luca alle chitarre e Mimmo Catanzariti al basso, proprorrà una lunga serie di brani di successo di Ray Charles, Aretha Franklyn, Etta James, ma anche "Feeling Alright" di Dave Masson o ballad come "Ain't no sunshine" di Bill Whiters con il sound arcaico della Lap Steel guitar.

Una esibizione ricca di pathos, come da sempre ci ha abituati Sara, per un viaggio musicale esaltante ed elettrizzante. Una serata davvero da non perdere !!

Sara Berni Blues Band official website

Sara Berni Blues Band su Facebook

 

SABATO

13

DICEMBRE

JUST ONE NIGHT

Ingresso

libero

Prenota

jonAd oltre 30 anni dalla registrazione del cult album Just One Night - doppio live di Eric Clapton - la formazione guidata dal bassista Mick Brill ripropone i brani di questa pietra miliare della discografia di "Slow Hand". Tulsa Time, After Midnight, Setting Me Up, Cocaine, Wonderful Tonight, Rambling On My Mind sono solo alcune delle canzoni più belle che verranno riproposte stasera, con quel caratteristico British Sound che distingue Clapton da tutti gli altri bluesmen... Una serata imperdibile!!!
GEORGE SIMS (chitarra), MICK BRILL (basso & voce), MARCO "POLLICINO" MAGNONI (chitarra), MARCO QUAGLIOZZI (keyboards), PIERO PIERANTOZZI (batteria)


Eric Clapton official website - Eric Clapton unofficial website


Eric Clapton on Wikipedia - video

DOMENICA

14

DICEMBRE

MUSIC ACADEMY

ROMA

Ingresso

libero

Prenota

ma

Music Academy Roma festeggia al Big Mama l’arrivo del Natale insieme ai migliori allievi della scuola: si comincia al pomeriggio alle 18,30 dove verrà presentata l’apertura del nuovo dipartimento Accademia Acustica con una esibizione di tutti gli studenti.
Il dipartimento "Accademia Acustica" nasce a Roma con l'ntento di creare un vero polo nella capitale a tutela della didattica per la chitarra  acustica Fingerstyle, proponendo programmi di studio seri e professionali per preparare gli appassionati e i giovani studenti alla professione della musica in ambito prettamente acustico. 
Il dipartimento è coordinato dal concertista e docente Miki Piperno considerato uno dei maggiori esponenti della chitarra fingerstyle in italia. Per l’occasione si esibiranno nel pomeriggio tutti gli allievi dei corsi di Chitarra Acustica, Chitarra Classica Fingerstyle, Violino e la nuova orchestra di chitarre.
Dalle 21,30 inizio della seconda parte in cui si alterneranno le migliori formazioni musicali nate all'interno dell’accademia. In programma Jazz, Blues, classici del Soul oltre ad alcune composizioni originali nate nel prestigioso corso di Songwriting.

 

 

LUNEDI 15 DICEMBRE

IL BIG MAMA E' CHIUSO

 
 

MARTEDI

16

DICEMBRE

E-STREETS OF FIRE

Ingresso

libero

Prenota

e streetsUna serata speciale per celebrare i 10 anni di attività degli E-STREETS OF FIRE, formazione romana con la musica del Boss nel proprio Dna. Di se stessi dicono:

"All’inizio del 2004, spinti da un profondo amore per la musica di Bruce Springsteen e con uno smisurato senso di venerazione per la sua Legendary E Street Band, decidemmo di metter su questa tribute band per rendere omaggio al Boss e per condividere la nostra grande passione con gli altri fans.
Fu Fabio Brencio, il nostro batterista, che diede inizio al progetto contattando una serie infinita di musicisti e nel gennaio del 2005, allo storico Radio Londra Cafè di Roma, la E Streets Of Fire tenne il suo primo concerto. Tanta strada è stata fatta da quel nostro primo show... soprattutto in termini di chilometri percorsi sulle autostrade italiane per condividere la magia di questa musica con altri appassionati. In questi anni la band ha capito il significato di quel particolare senso di fratellanza che Bruce Springsteen ha saputo infondere in tutti coloro che fedelmente lo seguono e che, di rimando, anche noi avvertiamo fortemente quando siamo sul palco. Soprattutto a Roma, la nostra città, un sempre più considerevole numero di appassionati ci segue puntualmente ormai da anni e non manca mai di riversare su di noi, ad ogni concerto, calore, affetto ed entusiasmo. Ma anche fuori Roma la situazione non cambia. E’ questa musica ad avere qualcosa di veramente magico; un repertorio incredibile che adoriamo, rispettiamo e che abbiamo sempre voluto proporre con umiltà, cercando di essere fedeli all’originale il più possibile, a volte anche in modo maniacale. Chi assiste ad un nostro Show si trova di fronte a dei fans/musicisti che cercano di riproporre nel modo più verosimile possibile le atmosfere dei mitici show di Bruce Springsteen e della sua formidabile E Street Band. Prima di stabilizzarsi la band ha visto l’avvicendarsi di vari musicisti che in modo diverso hanno contribuito a gettare le fondamenta di quella che è oggi considerata una delle più autorevoli tribute band di Bruce Springsteen in circolazione.

Essendo una band formata da fans, l’ approccio musicale non può che essere rivolto a celebrare Bruce Springsteen in tutte le sue sfaccettature. Proprio come lui, alterniamo i brani per proporre scalette sempre diverse ad ogni show, regalando ad ogni appassionato che viene a vederci uno spettacolo personalizzato, tutto per lui, proprio come da sempre ha scelto di fare il grande Boss. Non manchiamo mai di inserire delle vere e proprie chicche ed infatti nelle setlist dei nostri concerti non è raro trovare brani come Jungleland, Racing In The Street, Backstreets, Incident On 57th Street, Rosalita o The Promise. Ci piace celebrare anche lo Springsteen acustico ed intimista e durante i nostri show dedichiamo sempre uno spazio a questa che è a tutti gli effetti una delle parti integranti della figura di questo incredibile artista. Anche nell’abbigliamento e nelle movenze cerchiamo di proporci nel modo più somigliante possibile agli originali, ma questo non deve trarre in inganno: il nostro intento non è né quello di essere dei cloni senza anima, né tantomeno dei musicisti che suonano questo magnifico repertorio in modo superficiale. Tutto ciò che facciamo è portato avanti con grande passione e profondo senso di umiltà. Nessuno può essere Bruce Springsteen e nessuno può paragonarsi alla E-Street Band… quella ragazzi è davvero un’altra storia: la storia del Rock!
See You On The Road! The E Streets Of Fire"

Fabio Melis: Voce, chitarre, Armonica e Piano
Gianfranco Cordella: Piano, Hammond, Tastiere, Cori
Alessandra di Paola: Cori, percussioni
Lorenzo Perracino: Sassofono, Tin Whistle, flauto, cori
Fabio Brencio: Batteria
Fabrizio Frattali: Basso
Damiano Minucci: Chitarre

E-STREETS OF FIRE su Facebook - La pagina dell'evento

 

MERCOLEDI

17

DICEMBRE

RUSTY BLUESY

ENSEMBLE

Ingresso

libero

Prenota

rusty bluesyLe armonizzazioni vocali sono il gioco musicale dei Rusty Bluesy. Le diverse identità dei componenti fanno del gruppo un vero e proprio laboratorio nel quale si sperimentano nuovi arrangiamenti di brani anche molto conosciuti. Il blues, che ispira anche la denominazione del gruppo, si annida in tutte le loro sonorità, a volte emerge in modo esplicito, altre volte scruta da lontano brani di tutt'altra origine musicale e geografica. Una parola che può rappresentare meglio di altre i Rusty Bluesy è complicità. Non si tratta solo di affiatamento: è qualcosa di più solido e profondo, un ventaglio espressivo comune, eleganti giochi di sponda musicale, inviti a lasciarsi andare, un po’ come il trio castellano vivesse in permanente luna di miele col blues e i suoi derivati. Riescono a trasmettere passione con pochi essenziali strumenti e in particolare grazie ai brillanti intrecci vocali di Luca Consalvi e Daniela Di Renzo, mentre Claudio Rispoli, da bluesman navigato qual è, imbastisce trame sapienti con le sue chitarre elettriche, lavorando sempre in piena armonia con i suoi partners. L'assenza della batteria è riempita dall'apporto fornito dai primi due alla sezione ritmica e di rifinitura: uno accompagnandosi alla chitarra acustica, che stuzzica e solletica continuamente, la seconda alternando percussioni e kazoo. Sono legati alla tradizione i Rusty, ma non solo. Amano ripescare classici, brani misconosciuti o del tutto dimenticati e arrangiarli in chiave personalissima. Hanno il pregio, infatti, di guardare oltre la Grande Famiglia del blues, adattando alle corde più intime un repertorio trasversale che abbraccia rock, pop, soul, reggae e canzone d’autore. Luca Consalvi (voce e chitarra acustica), Daniela Di Renzo (voce e percussioni), Claudio Rispoli (chitarra elettrica).

RUSTY BLUESY WEBSITE (CON VIDEO E MP3) - RUSTY BLUESY su Facebook

  

GIOVEDI

18

DICEMBRE

RINO GAETANO

BAND

Ingresso

libero

Prenota

rinoSono molti anni che la RINO GAETANO BAND - gruppo coordinato da Anna, sorella del cantautore, e che vede la presenza di Alessandro Gaetano, nipote di Rino - si esibisce al Big Mama. Una band poderosa, dal suono pieno e venato di rock, che grazie alle voci di Alessandro G, Federico D'angeli e Marco Morandi (si proprio lui, il figlio di Gianni...) riesce a proporre tutto il repertorio di Rino, anche alcuni brani meno conosciuti e forse proprio per questo più attesi.
Nato il 29 ottobre 1950 e scomparso a soli 31 anni in seguito ad un incidente stradale, è stato considerato un artista decisamente "avanti" per i suoi tempi. Rino Gaetano ha avuto il merito di aver inserito un linguaggio che univa ironia, denuncia, satira, in un solo apparente stile scanzonato: un analista spietato e lucido dei malcostumi del suo tempo, dei vizi e delle abitudini che ci circondano. Le canzoni di Rino Gaetano hanno conosciuto - negli ultimi anni - una nuova giovinezza. Riscoperta dai giovanissimi, utilizzata in importanti campagne ubblicitarie, la musica di Rino continua a piacere e ad emozionare, a dispetto del tempo e del cambio generazionale. Un segno evidente che contraddistingue l'arte dalla pura musica commerciale.
La RAI ha dedicato una fiction in due puntate alla vita del cantautore, calabrese di nascita e romano di adozione. Il Comune di Roma gli ha intitolato una strada, nei pressi del quartiere Montesacro dove viveva. Ci restano anche alcuni filmati - pochi per la verità - per cercare di capire e conoscere meglio questo artista stravagante e illuminato, come quello che potete visualizzare in questa pagina. In concerto ci sarà la RINO GAETANO BAND, con la presenza di Alessandro, nipote di Rino, e la splendida voce di Marco Morandi.
Marco Morandi (voce e chitarra) - Alessandro Gaetano (Voce , Chitarra, Gingilli) - Yuri Carapacchi (Batteria) - Menotti Minervini (Basso) - Andrea Ravoni (Chitarra Elettrica) - Federico D'angeli (Voce e chitarra) - Giorgio Amendolara (Tastiere)

 

RINO GAETANO OFFICIAL WEBSITE - RINO GAETANO SU FACEBOOK

GINO PAOLI E RINO GAETANO SU YOUTUBE - MARCO MORANDI OFFICAL WEBSITE

 

VENERDI

19

DICEMBRE

BIANCA BLUES

E I SETTE SOUL

Ingresso

libero

Prenota

bianca blues

BIANCA BLUES E I SETTE SOUL hanno festeggiato lo scorso maggio al Big Mama i loro 20 anni di musica dal vivo, con la straordinaria partecipazione di tanti ospiti, musicisti che in questi due decenni si sono esibiti con questa orchestra unica nel suo genere.
Bianca Blues & 7 Soul hanno all'attivo due album, uno dal vivo ed il secondo registrato in studio. In scaletta grandi successi del Soul e Rhythm 'n Blues: da "Knock on Wood" a "My Girl" e "Mustang Sally", tutti intrepretati magistralmente dalla grande voce di Fulvio Tomaino e con l'energia e l'impatto sonoro di una delle migliori sezioni fiati in circolazione.
Stax, Motown, Chess, Rhino. Quattro nomi che hanno fatto la storia della musica nera negli Stati Uniti. Un'evoluzione musicale e una rivoluzione culturale che ha investito milioni di persone. Fra questi molti musicisti sono stati coinvolti attivamente in quella che è stata chiamata la consapevolezza nera, e quindi la lotta per l'affermazione degli afroamericani nel proprio paese e nel mondo intero. Artisti come curtis Mayfield, Ray charles, Aretha Franklin, Otis Reddig, Sam Cooke , Al Green fino ad arrivare ai più impegnati Marvin Gaye, War, James Brown, hanno contribuito al pari di coraggiosi uomini politici neri e personalità dell'epoca (Malcolm X, Martin Luther King, Muhammad Alì) all'affermazione della comunità afroamericana.
Le canzoni trasmesse dalle radio hanno fatto ballare speranzose generazioni nei quartieri poveri di New York, Chicago, Detroit, New Orleans. La leggenda di quel sound è ancora presente nella musica e nella cultura odierna. BIANCA BLUES & I SETTE SOUL sono da anni portatori di questo suono, inconfondibile. Soul, funk e Rhythm'n' blues si mescolano in uno spettacolo di una band di nove elementi con una starordinaria sezione fiati.
FULVIO TOMAINO (voce), ALFREDO BOCHICCHIO (chitarra), MASSIMILIANO CIAFREI (tastiere), MASSIMO NANNI (basso), STEFANO MARAZZI (batteria), SERGIO VITALE (tromba), LUCA GIUSTOZZI (trombone), CARLO MICHELI (sax alto), PAOLO TOMASSINI, (sax baritono), BRUNO COLTRE (sax tenore)

SABATO

20

DICEMBRE

RIDING SIXTIES

Beatles vs. Stones

Ingresso

libero

Prenota

riding sixties
Siamo la madre di tutte le coverband, ma niente parrucche !! Iil gruppo musicale dei Riding Sixties ha celebrato i 20 anni di attività. La band, nata per un concerto di fine anno in una scuola, si è distinta nel tempo per la sua ricerca musicale e il sound. Il repertorio enciclopedico dei Riding spazia dai Rolling Stones, di cui sono la prima coverband italiana, ai Beatles. La loro performance si chiama appunto “Beatles VS Rolling Stones”.
Sono stati la prima band (o "complesso" come preferiscono definirsi con un termine ironicamente vintage) a fare delle sonorità e del mondo Beat un genere della musica live di oggi in Italia. Il loro menù include i grandi protagonisti della British Invasion: Kinks, Who,Animals, Them,Troggs e gli artisti di quel movimento anglo-italiano che è il Beat nostrano: Equipe 84, Rokes, Corvi, Primitives, Caselli. Infine Dylan, il Maestro americano, a cui possono dedicare un’intera serata (Mr Tambourine Band). Il loro ultimo CD “Coverband” esprime il loro orgoglio nell’essere stati tra i primi in Italia a promuovere il fenomeno attuale delle cover. Su questo punto intendono essere chiari: “Si parla di Cover e Tribute band a seconda che la band presenti una sua versione dei brani o punti pedissequamente a riprodurre sound e aspetto scenico degli artisti originali, imitandone gesti, posture, costumi fino ad arrivare all’uso delle parrucche. Ora, alcuni sono talmente bravi che riescono veramente nell’illusione scenica, che però nella maggior parte dei casi accentua drammaticamente le differenze tra “copia” e originale.
Per noi il Rock dei 60, partendo da Beatles, Rolling Stones, Bob Dylan fa parte del repertorio della musica classica in senso stretto. Sui manifesti alla Scala in occasione dei concerti del maestro Muti non c’è scritto “Cover Beethoven”. E il maestro non si mette la parrucca alla Mozart o alla Bach a seconda del repertorio che esegue. La musica è un’arte interpretativa. Prende vita nel momento in cui qualcuno la suona. Si può eseguire ed interpretare in modo più o meno corretto, convincente e personale. E gli ascoltatori devono giustamente giudicare le differenze tra chi suona, e trarne le conseguenze”. Il pubblico ha dimostrato negli anni un affetto ed una stima sempre maggiori perle esibizioni dei Riding Sixties, nteressanti come una lezione-concerto e divertenti come una festa liceale. Diverse le personalità tra i componenti del gruppo: i due “vecchi” testimoni dell’epoca, Pietro Maria Tirabassi, voce e chitarra, e Enzo Civitareale, batteria e voce, che ha suonato con i mitici Corvi nel 1970. I “giovani” aggiungono un tocco di attualità al sound del gruppo: Marco Bertogna (monsieur Bertognaque), basso e voce, Simone Rauso (il Rauso), voce e chitarra, e “il maestro” Alberto Bolli al piano e voce. Il “complesso” dei Riding Sixties, oggi imitatissimo, ha raccolto anche il consenso e, a volte, la collaborazione di artisti come Francesco De Gregori, Shel Shapiro, Luigi Grechi, Roberto Ciotti, Lello Panico, Fulvio Tomaino.

 

RIDING SIXTIES OFFICIAL WEBSITE - 20 anni di Riding Sixties (video)

 

DOMENICA

21

DICEMBRE

CHRISTMAS GUITAR

NIGHT

Ingresso

libero

Prenota

cgnSi tiene il 21 Dicembre la seconda edizione di Christmas Guitar Night. 
Tanti artisti sul palco per aiutare la Comunità di Sant’Egidio a realizzare su tutto il territorio del Burkina Faso degli uffici di registrazione anagrafica.
Cristmas Guitar Night nasce da un'idea di Micki Piperno, direttore della Music Academy di Roma, che ha riunito per una serata - imperdibile - un lungo elenco di virtuosi della sei corde (e non solo...):


Alessio Mancini (Flauto), Silvia Battisti D’Amario (Viola), Giovanni Pallotti (Contrabasso)
Massimo delle Cese (Chitarra Classica)
Stefano Sergio Schiattone (Chitarra Classica)
Riccardo Rocchi-Alessia Cortini (Duo)
Fulvio Tomaino (Voce)
Luca D’Aversa (Cantautore)
Tonino Tomeo (Chitarra Fingerstyle)
Micki Piperno Group (Chitarra Fingerstyle)


Regala un natale migliore ai Bambini dell’Africa

La Comunità di Sant’Egidio ha dato vita al programma BRAVO! per la registrazione anagrafica dei bambini, per rispondere alla sfida crescente di tanti bambini non registrati e alle conseguenze della mancata registrazione sulla pace e la stabilità di molti paesi in via di sviluppo. Le stime dell’UNICEF confermano che il numero di bambini che ogni anno non vengono registrati al momento della nascita è cresciuto dai 48 milioni del 2003 ai 51 milioni del 2007. Per saperne di più
Durante la Serata sarà possibile fare una donazione presso un area dedicata del Big Mama, oppure è possibile dare il proprio contributo anche subito attraverso Bonifico bancario intestato a: COMUNITA’ DI S.EGIDIO – ACAP ONLUS CAUSALE: “Progetto Burkina” IBAN:  IT60T0200805205000110094975
Due bambini su tre in Africa non sono registrati all’anagrafe, da un punto di vista legale sono bambini invisibili. Attraverso il Tuo Aiuto la Comunità di Sant’Egidio si impegna a strappare questi bambini dall’invisibilità per dare loro la possibilità di esercitare appieno i propri diritti, per essere cittadini responsabili del Paese dove vivono. Cosa Aspetti, Accendi La Tua Vita, Regala un futuro migliore a chi ne ha bisogno!

 

 

DA LUNEDI 22 A GIOVEDI 25 DICEMBRE

IL BIG MAMA E' CHIUSO

 
 

VENERDI

26

DICEMBRE

THE ROCKSTORE

BAND

Ingresso

libero

Prenota

ROCKSTOREDall'America all'Inghilterra, la musica che ha cambiato il mondo!!! Una cavalcata nel tempo con una selezione pregiata e scatenata di perle intramontabili: dal rock'n'roll degli albori di Elvis, Jerry Lee Lewis e Chuck Berry al sound British dei Beatles e degli Stones. La classe di Clapton, il Pop di Elton John e l'unicità di David Bowie. Ed ancora gli accordi infuocati di Jimi Hendrix, le note colorate di blues degli Allman Brothers Band e dei Doors, il Rock graffiante e nostalgico dei Creedence Clearwater Revival e di The Band e l'energia di Bruce Springsteen! The Rockstore Band è una miscela di sapori indimenticabili per attraversare insieme la colonna sonora della nostra vita.

 

Alberto Bolli (voce e tastiere) - Marco Melis (voce e chitarra) - Fabio Maccheroni (chitarre e cori) - Andrea Nebbiai (basso) - Piero Fortezza (batteria)

 

L'Evento su facebook

SABATO

27

DICEMBRE

BURNING BRIGHT

Ingresso

libero

Prenota

burning brightLa storia dei Burning Bright comincia alle soglie del nuovo millennio, quando un ragazzo si accorge improvvisamente di essere un cantante niente male, e così pesca quattro musicisti tra amici e conoscenti e tira su un gruppo musicale la cui media si aggira attorno ai vent'anni (con un batterista allora soltanto sedicenne). La non vaga somiglianza e soprattutto la passione del cantante per Jim Morrison indirizza da subito il gruppo nella scelta del repertorio, che si orienta principalmente verso la musica dei Doors.
Il tempo, passa e arriviamo ai giorni nostri, il gruppo ha ormai anni di solida esperienza alle spalle ed è una valida realtà della scena musicale romana. La formazione attuale è in quartetto con
Lorenzo Monaci (voce) - Dodo Versino (tastiere) - Fabio Ponta(basso) - Simone Quarantini (batteria) - Roberto Scippa (chitarra)


The Doors sono stati un gruppo musicale rock statunitense, fondato nel 1965 da Jim Morrison (cantante), Ray Manzarek (tastierista), Robby Krieger (chitarrista) e John Densmore (batterista), e scioltosi definitivamente nel 1973, due anni dopo la morte di Morrison. Sono considerati fra i gruppi più influenti della musica r ock, alla quale hanno unito con successo elementi blues, rock psichedelico, pop. Molti dei loro brani, come Light My Fire e Riders on the Storm, sono considerati dei classici assoluti e sono stati reinterpretati da numerosi artisti delle generazioni successive....(per continuare)

 

DOMENICA

28

DICEMBRE

VOCINTRANSITO

Gospel & Spirituals

Ingresso

libero

Prenota

vocintransito

Nato nel 1996, il gruppo è composto da quattro voci femminili: Désirée Petrocchi, Simona Rizzi, Susanna Stivali e Fabiola Torresi, accompagnate al piano da Luciano Zanoni.
Queste quattro straordinarie soliste, provengono da esperienze musicali diverse (Soul, Jazz, Blues, Pop/Funk) ed affrontano la tradizione della musica religiosa afro-americana - ma non solo - attraverso arrangiamenti originali. Avvalendosi anche di strumenti a percussione, pongono l’accento sull’incontro tra i ritmi africani, la forza evocativa dei canti e l’improvvisazione vocale, che riveste un ruolo importante nelle loro esibizioni, rendendo ogni concerto un evento unico. Le diverse estrazioni musicali da cui provengono ed il differente approccio artistico di ognuna di loro, hanno dato vita ad una miscela esplosiva di gospel/soul/jazz/funk: dal magico incontro di 4 voci, 4 stili, 4 personalità, un gruppo vocale unico nel suo genere. In promozione il loro omonimo Cd “Vocintransito”Vocintransito negli anni ha sostenuto importanti cause sociali. Ricordiamo, fra gli altri, il concerto per l’Handicap Day (organizzato da Radio Rai2, con Renzo Arbore, Giorgia, Il Ruggito del Coniglio), il sostegno al Comitato per l’Istituzione del Tribunale Internazionale per i Diritti Civili – Nessuno Tocchi Caino (2 concerti trasmessi dai TG nazionali), il concerto Jazz for Chidren, organizzato dalla onlus Save The Children, e il sostegno a Parent Project, onlus per la ricerca sulla distrofia muscolare, oltre ad alcuni concerti organizzati dal Centro Astalli di Roma a favore dei rifugiati politici.
Vocintransito si è esibito su palchi prestigiosi quali il Teatro Sistina di Roma, l’Auditorium Parco della Musica, la Casa del Jazz, il Teatro del Sale di Firenze, l’Auditorium del Massimo di Roma, insieme al grande bluesman Roberto Ciotti, le Scuderie del Quirinale, il Campidoglio. Ha partecipato ad importanti rassegne musicali, quali la Notte Rosa di Cattolica (insieme ad Amalia Gré e Nada), Incontrinjazz (Tuscania e Falerii Novi), Le Città del Jazz (Roma), l’Anno Domini Multifestival (Biella) trasmesso in Mondovisione, AlatriJazz (Alatri - FR), il Teate Gospel Festival (Chieti), il Jubilee Gospel Festival (Torino), il festival Suoni Mediterranei (Atri - TE), la rassegna Non Solo Jazz (Agrigento), Incontrinjazz 2007 e 2008 (Tuscania e Civita Castellana), Antrodoco Smokey Jazz Festival, oltre ad aver partecipato a trasmissioni televisive quali Community su RAI Italia, Miss Italia (Rai1) e Festa Italiana e diverse trasmissioni radiofoniche, tra cui Stasera a Via Asiago – Radio Rai3.
Nel 2007 pubblicano il loro primo CD omonimo e vengono insignite di 2 importanti premi: il Jubilee Gospel Festival Music Award e il premio Voceania.

Nel 2009 esce la "La Grande Storia del Jazz" distribuita da La Repubblica e L'Espresso, nella quale Vocintransito è citato come esponente di punta in Italia del genere Gospel & Spirituals.

Nel 2011 interpretano il brano Savannah, che da il titolo all’omonimo progetto benefico, realizzato per AMREF con il sostegno di Giobbe Covatta (video).

Nel 2012 realizzano il cd Eagle, i cui proventi vengono interamente devoluti da all’Unione Italiana Ciechi. Le Vocintransito sono attualmente in tournée teatrale con Enrico Montesano, fino a marzo 2015.

 
 

LUNEDI 29 E MARTEDI 30 DICEMBRE

IL BIG MAMA E' CHIUSO

 
 

MERCOLEDI

31

DICEMBRE

CAPODANNO 2015

Gran Veglione di Fine Anno con

MICK BRILL & TRUE BLUES BAND

Ingresso

libero

Prenota

mickSIETE PRONTI PER IL CAPODANNO PIU’ BLUES DELLA CAPITALE..???!

 

Gran Veglione di Capodanno con l'esplosiva formazione MICK BRILL & TRUE BLUES BAND. L’arrivo del 2015 sarà festeggiato con una lunga maratona musicale che durerà fino all'alba del 1 gennaio. In programma il meglio del repertorio Blues, Rock’n’Blues e Soul per una serata che sarà animata anche dalla partecipazione di numerosi ospiti. Non mancheranno i dolci di Natale, l'ormai tradizionale Cotechino e Lenticchie di Mamma Rita ed un buffet salato per coloro che "salteranno" il cenone.

L'ingresso prima della mezzanotte è con prenotazione obbligatoria.

Per info su disponibilità posti e prenotazioni: Tel.065812551 Cell.339.6084416 oppure inviaci una email, indicando il tuo recapito telefonico

 

MICK BRILL & TRUE BLUES BAND

Lello Panico (voce, chitarra)

Luciano Gargiulo (keyborads)

Mick Brill (voce, basso)

Piero Pierantozzi (batteria)

Chiudete il 2014 partecipando ad un evento in compagnia di chi il Blues l’ha vissuto davvero…. la carriera di Michael Thomas Brill è lunga e costellata di prestigiose collaborazioni. Arriva in Italia da Londra nel 1966 accompagnando Thane Russel in un mini tour organizzato dal Piper Club di Roma. Proprio quel tour e le successive conoscenze gli permettono di rimanere in Italia fino al 1971 suonando in diverse formazioni rock. Tra il 1971 e il 1972 svolge all'estero alcune attività parallele alla musica e, al suo rientro in Italia, forma per un breve periodo un gruppo con Mike Shepstone (ex batterista dei "Rokes") e fa parte dei Motowns con Dougie Meakin. Finita l'esperienza con i Motowns forma i Godfather con il cantante dello stesso gruppo, con cui lavora moltissimo. In questo periodo lavora con Meakin, Fraser e Sumner alla realizzazione delle sigle dei Rocking Horse. Richiestissimo nelle prestazioni in studio di registrazione da parte di noti artisti italiani, fra i quali spiccano i nomi di Antonello Venditti, Francesco De Gregori, Riccardo Cocciante, Rino Gaetano, Patty Pravo e molti altri, partecipa a molti live tours all'estero e in Italia. Alla metà degli anni ottanta insieme a Dave Sumner, Derek Wilson e George Sims fonda i Mad Dogs. Con questa formazione suona in tutta Italia, per un lungo periodo, conquistando un giorno fisso a settimana qui al Big Mama (dove registrano anche un cd live). Gli anni novanta lo vedono impegnato anche con Roberto Ciotti (nella cui band suona per sei anni, prendendo parte alla registrazione di tre suoi cd) Alex Britti (con il quale incide il primo cd), Louisiana Red, che accompagna per anni nei suoi tour italiani ed europei.

 

 

GIOVEDI 1 GENNAIO

IL BIG MAMA E' CHIUSO

 
 

VENERDI

2

GENNAIO

JJ JANIS IS ALIVE!

Ingresso

libero

Prenota

giannaPuò un tributo musicale commuovere e far emozionare tanto da far gridare alla reincarnazione? Chi ha assistito ad una performance dei "Janis is Alive" giura di si !! La band romana, guidata dalla vocalist Gianna Chillà presenta - in occasione della ricorrenza della scomparsa della grande Janis Joplin - l'uscita del loro primo album “Evocation”, un lavoro d’amore e creatività che propone alcuni brani che furono interpretati da Janis nella loro versione più famosa, insieme ad altri arrangiamenti, senza mai discostarsi dal Woodstock-flavour per il quale la cantante americana è amata e ricordata.
"Janis is Alive" è il tributo italiano che ha varcato le nostre frontiere, grazie all’incredibile somiglianza della voce di Gianna Chillà con quella di J.J. ma anche per una nterpretazione che restituisce intatta la fragilità, l’ironia, la forza e l’intensità che Janis Joplin regalava al suo pubblico. Janis Joplin non è stata solo un’immensa artista, ma anche il vettore di un messaggio che ha diffuso con tutta l’intensità di cui era capace. Il contesto storico (anni ’60 e primissimi anni ’70) è stato un periodo di grandi cambiamenti, vere e proprie rivoluzioni in cui la libertà e l’amore erano il fulcro del movimento culturale giovanile americano. Il nostro è un tempo di ricorsi storici in cui si sente di nuovo il bisogno diiffondere un messaggio di speranza e di unione, e la J.J. band ha deciso di farlo seguendo le orme di Janis, orme che hanno troppo presto smesso di lasciare il loro segno. Cè ancora molto da dire.
Gianna Chillà, la cantante della J.J. Band – Janis is Alive, ha amato e studiato da sempre la persona, il personaggio e il messaggio di Janis Joplin, le sue peculiarità, le contraddizioni, la fragilità, attraverso lunghe ricerche ed un lungo studio. L'interpretazione della J.J. Band – Janis is Alive infatti, come dice il suo stesso nome, non solo tiene in considerazione tutti gli aspetti dei live di Janis, gli arrangiamenti dal vivo, la grinta e la passione, ma anche il suo messaggio, il rapporto che aveva col pubblico, la comunicazione diretta e ironica, insomma, più che un tributo, un’evocazione.
Gianna Chillà (Voce), Tony Palazzolo (chitarra), Adriano Medde (tastiere), Fabrizio Gallina (basso), Roberto Treppo (batteria)


Il video di Gianna a "The Voice of Italy 2014" del 12 marzo 2014
J.J. BAND su Facebook - J.J. BAND OFFICIAL WEBSITE